Liscivia

Liscivia

             di Francesco Niccolai

                                                           Con: Desirée Giorgetti, Viviana Altieri, Helena Antonio,
                    Antonio Aprea, Maria Cianfardini
                 Fotografia: Francesco Di Pierro
     Montaggio: Diego Berrè
                      Scenografia: Oscar C. Filancicone
        Costumi: Carolina Paterni
                                    Musica: Antonio Cavicchioni, Cassandra
  Suono: Diego Schiavo
                                                                   Produzione: Nicola Fresconacci & El Garaje Productions

 

 

Liscivia è il corto vincitore della prima edizione de La Serra Trema, festival del cinema macabro e del rurale tenutosi a La Serra di San Miniato (PI)

Sinossi:

La storia della liscivia risale all’antica Roma: può essere usata come detergente naturale ricavato dalla cenere, per purificare, o tramutarsi in una sostanza corrosiva se lasciata bollire troppo a lungo. Disperata a causa della grave malattia del compagno, Agnese si rivolge a Gaia, ‘la Lupa’, dal volto sfregiato, sempre coperto da un velo nero, conosciuta nel quartiere per le sue pratiche occulte.

 

Francesco Niccolai sfrutta bene gli elementi a sua disposizione, curando tutti gli aspetti e ne trae una storia horror a tinte esoteriche capace di rimanere impressa.

La recitazione è buona, a tratti volutamente stereotipata nella caratterizzazione dei personaggi che servono a delineare la trama.

Gli attori sono indovinati nei propri ruoli: Desirée Giorgetti e Viviana Altieri (rispettivamente Agnese e Regina) sono assolutamente credibili nel ruolo di ragazze di borgata che si muovono in una suggestiva e degradata periferia laziale.

Il regista dimostra una certa abilità nel realizzare una breve storia, risultando allo stesso tempo completa ed esauriente, fattore non comune, soprattutto nel campo dei cortometraggi. Una vicenda in cui l’inaspettato accade in un quartiere all’apparenza tranquillo ma che nasconde un lato oscuro